Company Logo

A Villa Rusconi ... Vivere Rescaldina in Festa

Torna puntuale come ogni anno la festa di Vivere Rescaldina!

Un'occasione per stare insieme, divertirsi, ascoltare buona musica, chiacchierare con l'Amministrazione Comunale e degustare buonissimi piatti a prezzi popolari!

Vi aspettiamo!

Bilancio Partecipativo - 2017 -

Il prezioso contributo dei cittadini alla nuova edizione del Bilancio Partecipativo è certamente il numero e la fortissima variabilità dei progetti presentati che sono 110.

Progetti che sono stati illustrati nella serata di co-progettazione e messi poi, al vaglio tecnico. Dopo questo passaggio i progetti ammessi al voto sono 28: 17 in ambito investimenti e 11 in ambito culturale.

Tutti i progetti, i cui dettagli sono consultabili sul sito del Comune (www.comune.rescaldina.mi.it), sono accomunati dalla volontà dei cittadini di partecipare in modo attivo alla vita del proprio paese presentando idee e proposte che possano rendere più vivo e partecipato il paese.

Le operazioni di voto si concluderanno il 6 Giugno 2017 alle ore 12.

Chi può votare: tutti i cittadini dai 14 in su, residenti e non. In quest'ultimo caso purché abbiano qualche interesse sul territorio.

Come si vota: ogni cittadino può esprimere fino a tre preferenze per ambito indicando l'ordine di priorità con cui vorrebbe vedere realizzate le opere.

Dove si vota: on-line dal sito del Comune di Rescaldina (www.comune.rescaldina.mi.it) oppure con le schede cartacee reperibili in Comune, in Biblioteca, presso la Farmacia Comunale e l'Azienda Speciale Multiservizi.

Domenica 4 Giugno dalle 9.30 alle 12, saranno presenti nelle due piazze Chiesa banchetti informativi dove sarà possibile votare. 

Il Sindaco Michele Cattaneo "Continua così l'impegno di Vivere Rescaldina per un paese dove è bello impegnarsi, stare insieme, divertirsi, vivere".

 

Anche Rescaldina sottoscrive il protocollo con la prefettura

Nel corso dell’ultimo anno l’afflusso di cittadini stranieri, richiedenti protezione internazionale, non ha fatto che aumentare. Le condizioni di instabilità - ove non di conflitto aperto -, che tristemente caratterizzano la situazione attuale dell’area mediterranea e mediorientale, sono la principale ragione di questa vera e propria emergenza internazionale. La doverosa risposta delle Nazioni europee è indicata nella Dichiarazione dei Diritti Umani che, all’articolo 14, recita che ogni individuo “ha il diritto di cercare e di godere in altri Paesi asilo dalle persecuzioni”. L’Italia, per via della propria posizione geografica, è crocevia dei flussi migratori e, negli ultimi anni, sta cercando di far fronte a questa emergenza. È inevitabile che anche il territorio dell’Alto milanese faccia la propria parte.

La redazione del protocollo d'intesa è iniziata oltre un anno fa con l'allora Prefetto Marangoni  coinvolgendo le amministrazioni dei 22 comuni dell'area omogenea dell'Altomilanese. La discussione si è svolta lungo un intero anno a causa della contemporanea discussione tra ANCI e il Ministero dell'Interno sul medesimo argomento.

In diversi momenti si è discusso dell'argomento sia in Consiglio Comunale che su Partecipare il periodico comunale. Il Sindaco ha informato i capigruppo di maggioranza ed opposizione chiedendo loro un contributo nella prima redazione del protocollo e informandoli anche dell'ultima stesura all'inizio di maggio.

Riteniamo, insieme agli altri sindaci firmatari, che il protocollo per l’accoglienza dei cittadini stranieri richiedenti protezione internazionale sia contraddistinto da una gestione equilibrata, sostenibile e diffusa degli stranieri in arrivo. Ogni Comune è chiamato a collaborare con le associazioni di terzo settore e le organizzazioni con finalità sociali, nella ricerca di abitazioni da destinare ai richiedenti protezione internazionale. La rete che si verrà così a creare sarà utile per la gestione di tutto il progetto. L’idea alla base del protocollo è di non sovraccaricare i singoli Comuni, affidando loro gruppi  di profughi etnicamente omogenei e di numero contenuto.
Nel comune di Rescaldina l'esperimento è già iniziato nel gennaio scorso, come a suo tempo comunicato in Consiglio, con l'accoglienza di 10 richiedenti asilo suddivisi in tre appartamenti sul territorio.

Sottoscrivendo con la Prefettura di Milano il Protocollo per l’accoglienza di cittadini stranieri il comune di Rescaldina sceglie di essere protagonista del progetto, evitando decisioni arbitrarie degli Enti superiori. L’azione propositiva e collaborativa delle Amministrazioni comunali è già foriera di garanzie per le comunità locali: anzitutto il numero di richiedenti che sarà accolto è abbattuto del 50% rispetto a quello concordato da ANCI e Ministero dell’Interno (19 invece di 38). In secondo luogo, i Comuni aderenti ricevono garanzia dal Prefetto Luciana Lamorgese di non essere inclusi in futuri bandi per l’assegnazione di profughi. Attraverso questo progetto si scongiura anche la creazione di ampi agglomerati di cittadini stranieri in ex caserme o altri grandi plessi in disuso.

I numeri contenuti e la provenienza omogenea dei gruppi accolti, uniti alla fitta rete di collaborazione con le associazioni del territorio, sono ulteriori garanzie di sostenibilità del progetto.
I Comuni non avranno a loro carico alcuna spesa aggiuntiva e, anzi, potranno coinvolgere i cittadini stranieri ospitati in progetti di lavori di pubblica utilità.

Aspettando il Giro d'Italia, incontro con Federico Villa

Sabato 20 Maggio, alle ore 11.30, presso l'Aula Consiliare del Comune di Rescaldina, Federico Villa inaugurerà la mostra fotografica che racconta il suo viaggio in Vietnam. Oltre 2000 km in sella alla sedia a rotelle tra autobus, treno e autostop. Oltre 2000 km di incontri con associazioni di disabili locali che lottano contro le barriere architettoniche e sociali costruite, purtroppo, dall'indifferenza di molti.

"Più che sperare in una improbabile cura, preferisco vivere", questo è il motto di Federico, atleta paraolimpico, affetto da oltre 10 anni da atassia, malattia neuro-degenerativa attualmente non curabile, ma lui non si ferma.

Il viaggio come metafora della malattia, ma anche della vita di chiunque "Durante un viaggio ci sono continui cambiamenti e imprevisti - spiega Federico - bisogna trovare il coraggio di adattarsi per andare avanti sfidando i propri limiti".

Federico ci aiuterà a "guarire dall'indifferenza e dalla paura per la disabilità"

La mostra rimarrà visibile fino a Venerdì 26 Maggio negli orari di apertura al pubblico del Palazzo Municipale.

Rescaldina e il "Giro d'Italia", 15^ tappa

Il passaggio del "Giro d'Italia" con la sosta della Carovana Pubblicitaria prevista per le 12.20 del 21 Maggio in Via Resegone, è senza dubbio un momento di festa per tutti gli amanti di questo sport.

"Siamo soddisfatti di aver ottenuto quest'attenzione da parte degli organizzatori del giro, la sosta della Carovana Pubblicitaria sarà per Rescaldina un bel momento di festa per uno sport, il ciclismo, che ha sempre significato costanza, fatica, superamento dei propri limiti"  commenta così l'evento il Consigliere delegato allo Sport Ielo Gilles.




Powered by Joomla!®. Design by: joomla 2.5 templates  Valid XHTML and CSS.