Company Logo

Mi presento

Anita Boboni

Mi presento, sono Anita Boboni, 57 anni, nata a Milano e da 34 anni risiedo a Rescaldina.
Cinque anni fa ho avuto il privilegio di condividere l’emozionante avventura di partecipare alle elezioni amministrative del nostro Comune. Emozione che ha avuto il suo apice con la vittoria finale.
Durante questi cinque anni ho constatato quanto sia impegnativo amministrare un paese, dove anche le piccole cose hanno un immenso valore e meritano attenzione.

Tanti gli impegni e tante le gratificazioni.

Ora mi attende una nuova sfida: proseguire il progetto di una “Rescaldina dove è bello vivere” e per questo motivo ho deciso di ricandidarmi alla carica di consigliere comunale.

Telefono senza fili

Premessa

Da bambina, ricordo che giocavo a un gioco che si chiamava "telefono senza fili". Ci mettevamo in cerchio, un bambino pensava una parola, la sussurrava all'orecchio dell'amico vicino e così via sino ad arrivare all'ultimo bambino. Lo scopo del gioco era scoprire se la parola iniziale fosse rimasta invariata oppure no. Tutte le volte era completamente diversa.

Questa premessa è per collegarmi alla domanda che mi sono posta dopo il Consiglio Comunale del 17 settembre 2014, nello specifico su questa interrogazione del M5S (riporto solo la parte finale del documento):

.............

Tenuto altresì conto

delle voci che da qualche mese circolano tra la cittadinanza rescaldinese a riguardo della possibilità che venga allestito un accampamento-ricovero destinato ai cittadini rumeni (ROM) oltre alla possibilità che si avvii, sempre sul territorio di Rescaldina, la costruzione di una moschea dedicata alla professione del culto islamico, in aggiunta alle due grandi strutture già esistenti atte alla professione del culto cattolico. Considerato la strumentalizzazione a fini propagandistici di queste voci da alcuni gruppi politici e di opinione, strumentalizzazione che il gruppo M5S condanna fermamente

Chiediamo che:

Sindaco e Giunta si esprimano chiaramente sulla veridicità di tali voci, aggiornando il Consiglio Comunale sulla questione in oggetto, facendo così chiarezza una volta per tutte.


A questa interrogazione il Sindaco Michele Cattaneo ha dato una risposta chiara che non lascia spazio ad interpretazioni (invito tutti ad ascoltarla sul sito del Comune: home-page, ultima voce nel menù di destra "Guarda in diretta", primi 20 minuti).

 

Domanda

Com'è possibile che un passaparola, tra l'altro basato sul nulla, metta in allarme alcuni cittadini?

Qui nasce il collegamento al gioco "telefono senza fili", dove la parola iniziale bicicletta poteva diventare molletta, ma quello era un gioco. Non è invece un gioco, quando una parola o un argomento vengono adattati, stravolti e poi riportati secondo i propri interessi, ed è cosa ben più grave se l'interesse è quello di procurare, volutamente, allarmismo.

La paura ci indebolisce e ci rende più vulnerabili.

Chi fa questo lo sa benissimo e sa anche che le persone impaurite sono facilmente condizionabili, deve solo aspettare che la paura si diffonda il più possibile.

Sta a noi lasciarlo aspettare inutilmente!

 

UN SALOTTO ALL'APERTO

Vivere Rescaldina in festa e ...... alla fine il tanto temuto tornado è arrivato!

Fortunatamente non si è trattato di quello meteorologico che fino all'ultimo ci ha tenuto in apprensione e con il naso all'insù, ma quello dei tanti tantissimi amici rescaldinesi che il 5 e 6 luglio sono venuti a Villa Rusconi per condividere due giornate di festa.

Già dal primo pomeriggio, sia il sabato che la domenica, i bambini hanno portato, come solo loro sanno fare, serenità e allegria e i giardini di Villa Rusconi sono diventati un immenso parco-giochi. Semplicemente fantastico.

La festa è poi proseguita a tavola e anche quest'anno la semplicità dei piatti e la qualità del cibo sono stati molto apprezzati e questo ci rende felici. La struttura purtroppo o per fortuna non ci consente di preparare cibi elaborati, quindi gioco forza, è la semplicità a farla da padrona e non c'è alcun dubbio sul fatto che è proprio il luogo "Villa Rusconi" a rendere la festa speciale.

Un salotto all'aperto, ecco cos'è la festa di Vivere Rescaldina, semplicemente questo!

 

 

 

Io ci credo, e tu?

Credi alla forza dei tuoi sogni e loro diventeranno realtà.

                                                        Sergio Bambarén

 

IO CI CREDO, E TU?

 

Carletto, il mio amico a 4 zampe

 

 

Esattamente un anno fa ho pubblicato questo racconto sul blog AscoltareRescaldina.

Si avvicinano le vacanze e purtroppo il tema "abbandono dei cani" tornerà ad essere d'attualità.

Per questo motivo ho deciso di ripubblicarlo con l'intento di scuotere qualche coscienza.

 

Carletto, il mio amico a quattro zampe

Questa è la storia di un'amicizia che ha avuto inizio otto anni fa.

In una limpida e fredda giornata di gennaio mi sono recata al canile di Legnano a portare delle medicine. Come ho varcato il cancello sono stata circondata da decine di cani. Tutti cercavano in qualche modo di accaparrarsi una carezza, tutti tranne uno, un bellissimo cane da caccia bretone che non osava avvicinarsi. Il suo sguardo impaurito ha catturato la mia attenzione così sono andata io da lui e mentre lo accarezzavo gli feci una promessa: "Ti prometto che ti porto via da qui". Detto fatto.

A casa ne ho parlato con mio marito e mio figlio e la decisione è stata presa: Carletto avrebbe fatto parte della nostra famiglia. All'inizio non si lasciava avvicinare da nessuno, c'è voluto quasi un anno perché riacquistasse fiducia nell'uomo. Resto infastidita quando sento dire che per contrastare l'abbandono dei cani basterebbe permetterne l'ingresso nei luoghi pubblici, in particolar modo in quelli "vacanzieri". BALLE!!

Per chi ama il proprio cane il problema non esiste o meglio non dovrebbe esistere, di sicuro per me non esiste. Semplicemente vado solo nei luoghi dove posso portare Carletto e questo non mi provoca alcun senso di rinuncia.

Sono passati otto anni e ancora provo una stretta al cuore quando penso a quello sguardo e a quello che ha passato (18 mesi al canile) e vederlo ora pacioso e sereno mi riempie di gioia. Ho il privilegio e la fortuna di condividere le mie giornate con un amico discreto e onnipresente, Carletto il mio amico a quattro zampe.

NO, NON LO ABBANDONEREI MAI !!!

 

 

 




Powered by Joomla!®. Design by: joomla 2.5 templates  Valid XHTML and CSS.